Carbossiterapia | Dott.ssa Maria Costarella - Medicina Estetica | Milano
1386
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1386,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Carbossiterapia

La carbossiterapia è un trattamento terapeutico che utilizza anidride carbonica medicale somministrata per via sottocutanea e o intradermica, mediante microiniezioni localizzate. La terapia può essere eseguita solo da personale medico specializzato che deve verificare la compatibilità dello stato di salute del paziente con la terapia. L’infiltrazione di CO2 si è rivelata di grande efficacia nella terapia antiaging in quanto, grazie all’azione esercitata sull’attività dei fibroblasti e, di conseguenza, sul processo di rigenerazione tissutale e sulla vasodilatazione, migliora l’elasticità cutanea ed induce un ringiovanimento a livello del derma e dell’epidermide.

Trova quindi utile applicazione nel trattamento di biostimolazione di volto, collo, décolleté e mani, per ridare tono alla pelle delle braccia e delle gambe. Inoltre, grazie all’effetto lipoclastico della CO2, la carbossiterapia è efficace anche nella riduzione degli accumuli di grasso localizzato di addome, cosce, glutei e fianchi. L’idea di introdurre anidride carbonica può provocare perplessità, ma il nostro corpo produce naturalmente anidride carbonica quindi non vi sono rischi, si tratta di una terapia atossica e non pericolosa. E’ stato accennato all’inizio, ma vale la pena sottolineare che le microiniezioni di anidride carbonica, sia nel derma che sottocute, avvengono con un ago sottilissimo e che l’anidride carbonica viene emessa da apparecchi collaudati in grado di gestirla in sicurezza, senza il rischio di emboli gassosi. Nello specifico, per quanto riguarda le rughe del volto, il minuscolo ago viene inserito alla profondità di circa un millimetro nel derma; a quel punto viene insufflata, in modo indolore, l’anidride carbonica che per alcuni secondi gonfia l’area trattata. Si va così a creare un enfisema superficiale che viene riassorbito in pochi attimi, con il risultato dello spianamento della ruga. Si può lavorare direttamente sulla ruga per colpire l’inestetismo in modo mirato e/o su tutta l’area interessata per ottenere un ricompattamento della cute del volto, ma anche del collo e del décolleté. Il trattamento, come detto, non è doloroso, solo leggermente fastidioso e non richiede alcuna anestesia. La durata del trattamento consigliata è  di una seduta alla settimana per un totale di 15-20 trattamenti.