Correzione del Solco Lacrimale (Tear Trough) | Dott.ssa Maria Costarella - Medicina Estetica | Milano
1268
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1268,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Correzione del Solco Lacrimale (Tear Trough)

La correzione del solco lacrimale è il trattamento ideale per chi vuole eliminare le occhiaie e migliorare le borse palpebrali inferiori, al fine di ottenere uno sguardo più fresco e giovane senza ricorrere al bisturi. Esiste un prodotto iniettabile specificatamente pensato per intervenire contro questi inestetismi: si tratta di acido ialuronico arricchito con un complesso naturale, con funzione dermo-ristrutturante, a base di amminoacidi, antiossidanti, minerali e vitamina B6 e una piccola quantità di lidocaina, un anestetico locale che assicura un comfort ottimale durante la seduta di iniezione. I risultati sono immediatamente visibili dopo il trattamento e hanno una durata media stimata di 9-12 mesi. Attualmente, la possibilità di utilizzare dei filler a base di acido ialuronico, assolutamente compatibili con l’organismo e di lunga durata, consente di migliorare l’aspetto delle borse, per esempio riempiendo il margine inferiore e dando cosi l’impressione che la borsa stessa si sia ridotta. Il perfezionamento di materiali e tecniche iniettive, in aggiunta alla possibilità di combinarli tra loro, consentono di ottenere risultati morbidi e di grande naturalezza, anche nella zona più difficile da trattare, appunto il solco lacrimale e il solco palpebro-malare. In quest’area il processo d’invecchiamento è più evidente, perché questa è l’area del corpo dove la cute è più sottile e qui si concentrano diversi fattori (l’atrofia del grasso, l’assottigliamento e la perdita di elasticità della cute, il riassorbimento osseo) che contribuiscono a provocare quell’effetto di occhio scheletrizzato che invecchia l’intero viso. Per ripristinare i volumi perduti e ringiovanire tutta la zona occhi, il trattamento d’elezione è dunque l’acido ialuronico arricchito, infiltrato in piccole gocce in profondità (a livello sottomuscolare) attraverso una microcannula, utilizzando la tecnica lineare retrograda. Piccoli tocchi, quanto basta a rimpolpare le depressioni, ridurre l’area d’ombra che accentua le occhiaie, distendere le grinze della cute. Il trattamento viene praticato in ambulatorio con una durata massima di mezz’ora. Dopo l’operazione, è possibile riscontrare un poco di gonfiore iniziale, destinato a scomparire in un paio di giorni, dato che la zona è molto delicata. È importante fare una visita di controllo dopo circa un mese per controllare la buona riuscita del trattamento e valutare un eventuale piccolo ritocco aggiuntivo. Altro prodotto utile è la tossina botulinica che consente di ridurre le cosiddette zampe di gallina e sollevare il sopraciglio migliorando di molto anche l’aspetto della palpebra superiore. Con la tossina botulinica i risultati si mantengono per 5-6 mesi e sono facilmente ripetibili.