Lipofilling | Dott.ssa Maria Costarella - Medicina Estetica | Milano
1303
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1303,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Lipofilling

 

L’intervento di auto-lipo-innesto (lipofilling o lipostruttura) viene eseguito per correggere solchi o avvallamenti del viso o di altre sedi corporee, spesso dovuti ad una diminuzione del tessuto adiposo sottocutaneo, associata o meno ad una perdita di elasticità della cute.

Il lipofilling-lipostruttura è indicato per l’incremento del volume delle aree depresse congenite o post-traumatiche o conseguenti a trattamenti medici/chirurgici, oppure per contrastare i fenomeni dell’invecchiamento, caratterizzati dalla diminuzione dello spessore del tessuto adiposo sottocutaneo.

Le possibilità di intervento sono molteplici: il lipofilling, infatti, può essere usato per rendere più voluminose labbra particolarmente sottili, per spianare le rughe, per definire il mento, le guance o gli zigomi, per riempire i polpacci e i glutei o per rimodellare un seno poco sporgente o cadente.

Il lipofilling viene eseguito ambulatorialmente in anestesia locale.

L’intervento consiste nel prelievo del tessuto adiposo autologo, da zone del corpo ove è disponibile, e nel suo reinserimento, medianti sottili cannule, in sedi di minore visibilità. L’adipe viene innestato e distribuito nel contesto del tessuto sottocutaneo.

L’intervento dura mediamente un’ora.

Il risultato del singolo trattamento non è pienamente prevedibile, in quanto dipende dalla percentuale di adiposità che attecchiscono. Il risultato si considera definitivo 3-6 mesi dopo il trattamento. Esso è suscettibile, però, di modificazioni legate a diversi fenomeni biologici, oltre a possibili variazioni ponderali ed all’invecchiamento.

La quantità di grasso aspirato ha un limite e questo può condizionare il risultato finale.

La presenza di lievi asimmetrie è da considerarsi un fatto normale, dovuto al fenomeno di guarigione cicatriziale dei tessuti profondi. Per tali ragioni può essere necessario ripetere l’intervento più volte a distanza di alcuni mesi, fino a raggiungere il risultato finale atteso dal paziente.