Mesoterapia | Dott.ssa Maria Costarella - Medicina Estetica | Milano
1378
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1378,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Mesoterapia

La mesoterapia consiste nell’iniezione intradermica e/o immediatamente sottocutanea di piccole quantità di principi attivi, attraverso aghi molto piccoli e corti. Prende il nome dal mesoderma, cioè la zona del sottocute in cui avviene l’iniezione, ed è considerata la principale terapia “dolce”  della Medicina Estetica. Essa può essere utilizzata come terapia sintomatologia per il trattamento della cellulite, delle adiposità distrettuali e dell’insufficienza venosa e linfatica. I farmaci utilizzati cambiano in base alla patologia o al dismorfismo da trattare e possono essere anche omeopatici. Presso il Centro SMC San Babila viene utilizzato il prodotto Alydia, il primo iniettabile specificatamente indicato nel trattamento della cellulite. Il vantaggio di questa terapia è che, avendo un’azione intradermica, la concentrazione di farmaco impiegato, i tempi di attesa perché l’azione produca effetti e il rischio di effetti collaterali sono molto ridotti. Alydia si basa sulla scoperta che gli inestetismi sono dovuti anche a un accumulo di ione ferro nel grasso sotto cutaneo, motivo per cui nel prodotto sono presenti composti che contribuiscono a ristrutturare la matrice cellulare (ossia il tessuto connettivo che sostiene l’adipe), rimuovendo ciò che danneggia il microcircolo adiposo e legando il ferro in eccesso all’esterno della cellula.  La mesoterapia è adatta a donne di qualsiasi età perché non provoca dolore, al massimo un leggero fastidio. Non è però indicata in caso di malattie importanti quali leucemia, diabete, infezioni del sangue, HIV/AIDS oppure patologie cardiache. Può sembrare strano che a fronte di certe patologie si possa pensare alla cellulite, ma succede ed è bene quindi sottolinearlo. Per ottenere risultati soddisfacenti, il paziente si deve sottoporre a un minimo di 8-10 sedute con cadenza settimanale. Dopo un ciclo adeguato di sedute risultati sono notevoli ed espressi da una maggiore tonicità ed elasticità della pelle, accompagnate a volte anche dalla riduzione della circonferenza della parte inferiore del corpo. La mesoterapia può essere supportata da terapie complementari quali linfodrenaggio, bendaggi, idromassaggi, liposuzione, fanghi termali e laser o essere integrata con radiofrequenza e carbossiterapia.