Soft Lifting con fili di Sospensione | Dott.ssa Maria Costarella - Medicina Estetica | Milano
1258
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1258,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Soft Lifting con fili di Sospensione

Il soft lifting è il trattamento che consente di recuperare e mantenere lo stato di sana e fisiologica organizzazione della cute. In particolare, il soft lifting con fili di sospensione è un nuovo approccio per il trattamento dell’invecchiamento di tipo lieve e medio di collo e décolleté. Si tratta di un soft lift con i fili in PDO (polidiossanone), una procedura con una minima invasività che offre risultati naturali. La metodica consiste nel veicolare nel derma fili in polidiossanone completamente riassorbibili dall’organismo e con nessuna manifestazione di tipo allergogeno. L’azione dei fili non è quella di lift immediato, ma di maggiore compattezza cutanea e di un’azione liftante che migliora durante i 6 mesi successivi. L’azione dei fili non è quella di lift immediato, ma di maggiore compattezza cutanea, con un’azione liftante progressiva che migliora durante i 6 mesi successivi. L’innesto nel sottocute avviene attraverso aghi sottili posti nell’area di intervento precedentemente circoscritta. La quantità e la dimensione dei fili variano in base alla zona da trattare. L’effetto sarà da un lato la trazione dei tessuti, dall’altro la stimolazione di fibroblasti, le cellule tipiche del tessuto connettivo, ottenendo così una pelle nuova, più sana, rassodata e giovane. Non si avvertirà dolore né resteranno cicatrici. L’effetto inizia subito, ma, come accennato in precedenza, il lifting non sarà immediato. L’efficacia del trattamento, infatti, sarà visibile in maniera evidente dopo 3-4 settimane dall’intervento e durerà anche oltre i tempi medi di riassorbimento (6 mesi), grazie appunto alla stimolazione endogena promossa dai fili stessi. Il posizionamento di questi fili sottocute stimola la produzione di collagene, la principale proteina del nostro tessuto connettivo che tende a diminuire con il passare degli anni. L’uso dei fili in PDO si rivolge in particolare a persone tra i 40 e i 60 anni che, pur presentando già segni di cedimento, vogliono sottoporsi ad un intervento soft. Le principali indicazioni al loro utilizzo sono la bioristrutturazione del volto e del collo, ma anche di tutti quei distretti corporei in cui fino ad oggi era più complicato intervenire efficacemente, come il decolleté, le braccia, l’addome, le cosce, le ginocchia. Questo trattamento è in grado di ridare tono e rimodellare i contorni del viso e di bioristrutturare i tessuti.