Tossina Botulinica | Dott.ssa Maria Costarella - Medicina Estetica | Milano
1265
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1265,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Tossina Botulinica

La tossina botulinica è un presidio medico chirurgico che non agisce “riempiendo” le rughe, ma distendendo il viso, rendendo l’aspetto più giovane e la cute più liscia e compatta. Si tratta di una proteina prodotta da un batterio (Clostridium Botulinum), definita appunto “tossina” in quanto oltre due secoli fa fu individuata a seguito di un avvelenamento causato da cibo contaminato con quantità molto elevate di tale proteina. Questa tossina, a partire dagli anni 70, ha poi mostrato di avere una buona efficacia terapeutica per patologie di varia natura, ovviamente in dosaggi tali da non innescare la reazione di tossicità. Negli anni 90, dopo averne verificato l’efficacia in patologie correlate agli spasmi muscolari, alcuni studi hanno iniziato ad ipotizzarne l’uso per intervenire sulle cosiddette rughe d’espressione, che sono causate dal continuo movimento dei muscoli mimici del viso. In pratica, farmaci a base di tossina botulinica purificata hanno la capacità di eliminare, o comunque attenuare, tali rughe, agendo sull’attività contrattile che risulta ridotta dall’azione del farmaco. La tossina botulinica non è efficace sulle rughe provocate dall’invecchiamento, per le quali sono utilizzati altri trattamenti specifici (filler, lifting, eccetera). Come accennato in precedenza, il dosaggio utilizzato nella produzione di farmaci è di gran lunga inferiore a quello in grado di provocare l’effetto tossico. In tal modo il margine di sicurezza si mantiene molto alto, con un bassissimo rischio di reazione allergica, sempre che la tossina venga somministrata da personale medico esperto. Se ne sconsiglia l’utilizzo nelle donne in gravidanza e nei soggetti con problemi neuromuscolari. Viene iniettata nei muscoli mimici del viso per provocare una riduzione dell’attività contrattile, attenuando così le rughe d’espressione. Senza che sia prevista anestesia né tantomeno il ricovero. La seduta dura di norma tra i 15 e i 20 minuti e, a seconda dei casi, può essere necessario un piccolo ritocco a distanza di 15 giorni. Gli effetti sono farmacologici quindi non sono permanenti. La tossina viene eliminata in un certo lasso di tempo e la durata degli effetti varia da soggetto a soggetto: da un minimo di un mese fino anche a 6-7 mesi.